Agroalimentare: in crescita il commercio mondiale nel 1° trimestre 2018

Le esportazioni mondiali di agroalimentare in quantità sono aumentate ad un tasso tendenziale superiore all'8%.

.

Food&Beverage Conjuncture Global demand Check performance Foreign markets Agribusiness

Log in to use the pretty print function and embed function.
Aren't you signed up yet? Log in!

L'analisi dei flussi del commercio mondiale nel primo trimestre dell’anno segnala andamenti molto diversi a seconda della valuta di riferimento: se misurate in dollari, infatti, le esportazioni mondiali di agroalimentare sono aumentate ad un tasso superiore al 16% rispetto al corrispondente periodo del 2017, confermando la dinamica registrata alla fine dello scorso anno.
Per effetto del deprezzamento del dollaro rispetto all’euro di circa 15 punti percentuali intervenuto ad inizio anno, le esportazioni mondiali di agroalimentare misurate in euro sono, invece, aumentate nel primo trimestre dell’anno di meno dell’1% rispetto al primo trimestre 2017.

In quantità, nel 1° trimestre 2018 la domanda mondiale di agroalimentare è aumentata a ritmi sostenuti ...

L'analisi a prezzi costanti è fondamentale, quindi, per valutare l’andamento del commercio mondiale, al netto di fenomeni valutari. Grazie alle elaborazioni StudiaBo sui flussi di commercio estero di prodotti agroalimentari di quasi 70 paesi dichiaranti, rappresentativi di circa l’80% dei flussi complessivi, è possibile documentare un consolidamento della fase di crescita del commercio mondiale di Agroalimentare nel primo trimestre 2018, con un’ accelerazione rispetto al trimestre precedente: dal +6.5% tendenziale dell’ultimo trimestre 2017, l’export mondiale di Agroalimentare - misurato a prezzi costanti – è salito nel primo trimestre dell’anno al +8.5% (trimestre sul trimestre corrispondente dell'anno precedente). Si tratta di una accelerazione di ben 4 punti sulla crescita media del 2017, quando l’export mondiale di Agroalimentare (sia confezionato che non) aveva viaggiato ad un ritmo medio annuo del +4.5% a prezzi costanti1.

.. con performance positive sia nell'alimentare non confezionato che in confezionati e bevande.

In particolare, nel primo trimestre dell’anno l’export mondiale di Alimentare non confezionato ha evidenziato un tasso di crescita tendenziale del +4.6% a prezzi costanti (contro il +3.6% del trimestre precendente, e un ritmo medio annuo del +3.8% nel 2017).
Nei primi tre mesi del 2018, inoltre, si è consolidata la fase di significativa accelerazione delle esportazioni mondiali di Alimentari confezionati e bevande, con un aumento tendenziale a due cifre misurato a prezzi costanti (+13.2%), che rafforza il trend dei due trimestri precedenti (+9.9% nel 4° trimestre 2017 e +7.8% nel 3° trimestre 2017).

Performance positive per tutti i principali mercati mondiali di agroalimentare.

L’analisi dei flussi mondiali a prezzi costanti di Agroalimentare vede andamenti favorevoli nel primo trimestre 2018 (con crescite in molti casi a due cifre nelle dinamiche tendenziali) per tutti i principali mercati di riferimento; in particolare:

  • gli Stati Uniti, al primo posto per flussi mondiali in entrata nel 1° trimestre dell'anno, registrano un aumento tendenziale a prezzi costanti del +6%;
  • la Germania (2° mercato di destinazione dell’export mondiale di Agroalimentare) evidenzia una crescita tendenziale a prezzi costanti di 14 punti percentuali;
  • la Cina (terza destinazione a livello mondiale per i prodotti del settore) ha messo a segno un incremento tedenziale di oltre 18 punti percentuali a prezzi costanti;
  • il Regno Unito (4° mercato nel primo trimestre dell'anno) segnala un incremento tendenziale di 12 punti percentuali a prezzi costanti;
  • la Francia (quinta destinazione nei valori settoriali del primo trimestre) registra un aumento tendenziale del +10.4% a prezzi costanti).

Risultati positivi nelle dinamiche tendenziali a prezzi costanti contraddistinguono, inoltre, le vendite mondiali di agroalimentare rivolte verso i mercati di Belgio, Spagna e – anche se in misura minore - Hong Kong e Sud Corea.
Da segnalare, infine, i progressi evidenziati dalle vendite internazionali di agroalimentare rivolte al mercato polacco, che guadagna 2 posizioni (dal 17° al 15° posto) nel ranking dei mercati di destinazione dell'export mondiale di agroalimentare.

1. Si rimanda, per approfondimenti, al Data Warehouse Congiuntura Mondiale liberamente consultabile nel Sistema Informativo Ulisse per le seguenti industry: