L'export dei territori italiani nel 1° trimestre 2018: risultati di crescita in quasi 4 province su 5

Al Nord la quota di territori con performance positive arriva al 90%; al Centro si mantiene su livelli significativamente inferiori.

.

Export territoriale Internazionalizzazione Congiuntura Controllo risultati Export Data visualization Congiuntura economica

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? registrati!

Il primo trimestre 2018, fotografato dai dati di commercio estero a livello provinciale, disponibili nel sito Exportpedia, ha confermato la fase di diffusa crescita dell'export, con circa l'80% delle province italiane che registra aumenti tendenziali nei valori in euro delle proprie esportazioni.
Peraltro, si riconfermano performance quasi sempre positive nei territori del Nord–Est (con il 91% delle province con export in crescita nel 1° trimestre dell’anno) del Nord Ovest (88%) e nel Sud1 (76%), mentre al Centro la performance risulta ancora relativamente meno brillante (con solo il 67% delle province in crescita nei valori tendenziali di export).


Esportazioni delle province italiane: variazioni tendenziali 1° trimestre 2018
(euro correnti)

Esportazioni delle province italiane 1° trim. 2018 (var. % tend.)
      Fonte Exportpedia    
ATTENZIONE: le variazioni relative alle province della Sardegna non devono essere considerate, in quanto dal 1° trimestre 2018 viene recepito il nuovo assetto regionale stabilito dalla Legge regionale n. 2/2016 e successiva delibera della Giunta regionale n. 23/5 del 20 aprile 2016.

Vai a exportpedia

Nel primo trimestre 2018 si è confermata la significativa maggioranza (78%) delle province italiane con crescite tendenziali delle proprie esportazioni in valore.

Nord Italia

Nel periodo gennaio-marzo 2018 si rileva un incremento tendenziale dell'export nei valori in euro in quasi tutte le province del Nord.
In particolare, nel Nord Ovest le performance di crescita delle esportazioni nel primo trimestre dell'anno appaiono ampiamente generalizzate (88% dei casi), con Milano la provincia di gran lunga trainante (anche a livello nazionale), con un incremento tendenziale del proprio export nel periodo gennaio-marzo 2018 di ben 669 milioni di euro (grazie in modo particolare alla performance del settore farmaci), seguita da Varese (+521 milioni di euro, con aumenti significativi nella filiera aerospaziale), Asti (+378 milioni, grazie soprattutto al comparto metalmeccanico), Brescia (+347 milioni), Bergamo (+253 milioni) e Alessandria (+160 milioni). Di segno opposto, invece, spiccano le performance di contrazione registrate dalle esportazioni di Torino (-626 milioni di euro tendenziali) e – in misura minore - di Genova (-174 milioni di euro, a causa di flessioni generalizzate) e Savona (-31 milioni).
Nel Nord Est, invece, nel trimestre esaminato si segnalano i rilevanti contributi positivi delle vendite all'estero delle province di Treviso (+250 milioni di euro rispetto al corrispondente trimestre 2017), Piacenza (166 milioni di euro in più rispetto ai primi tre mesi dell’anno scorso, con aumenti generalizzati a tutti i comparti), Reggio Emilia (+163 milioni di euro, con le migliori performance dalle vendite di meccanica varia), Vicenza (+160 milioni di euro) e Udine (+132 milioni di euro). Di converso, si segnala – tra i rari casi “nordestini” di flessione dell’export – la performance negativa dell'export della provincia di Trieste (-125 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2017, essenzialmente dovuto al crollo registrato nel segmento navi, yacht e imbarcazioni).

Centro Italia

Al Centro, nel primo trimestre dell’anno è leggermente calato – benché ancora in ampia maggioranza - il novero di territori in crescita tendenziale nelle esportazioni (67%, contro il 75% del trimestre precedente).
Le province di Firenze (188 milioni di euro di aumento dell’export rispetto al primo trimestre 2017, in virtù soprattutto degli incrementi delle filiere chimico-farmaceutica e di cuoio e pelletteria) e Latina (+110 milioni di euro, con aumenti diffusi dal segmento dei prodotti farmaceutici di base) si segnalano – ancora una volta - i territori del Centro Italia che hanno offerto i contributi alla crescita più rilevanti.
Viceversa, dopo numerosi trimestri di crescita ininterrotta, nei primi tre mesi del 2018 si segnala il calo delle vendite all’estero della provincia di Frosinone (-204 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2017, nonostante l'eccellente performance delle vendite di farmaci verso gli USA), oltre che le flessioni – prossime o di poco superiori ai 100 milioni di euro – dell’export di Massa-Carrara, Livorno e Ascoli-Piceno.

Sud Italia

Al Sud, infine, nell’ultimo trimestre si segnala un significativo incremento (dal 67% al 76%1) della quota di province con andamenti positivi dell'export.
In particolare, i maggiori contributi alla crescita sono arrivati dalle vendite all’estero delle province di Palermo (+102 milioni di euro rispetto al corrispondente trimestre 2017, con conferme dal settore elettrotecnico [motori e distribuzione] verso il mercato australiano), Salerno, Napoli, Pescara e Potenza, a fronte – invece – dei maggiori cali tendenziali dell’export delle province di Bari (-96 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2017, con cali generalizzati a livello settoriale) e Taranto (-93 milioni), a causa delle flessioni diffuse dell'export metalmeccanico (acciaio ma anche relativo indotto).

In termini di tassi di crescita delle esportazioni, due province del Sud si distinguono positivamente: Teramo le cui esportazioni sono trainate dalle vendite di calzature in Svizzera e Reggio Calabria, grazie alle vendite di materiale ferro-tranviario agli Stati Uniti e di prodotti chimici per l’industria in molti mercati mondiali.


1. Si segnala che tale quota non tiene conto dei territori della Sardegna, alla luce del nuovo assetto amministrativo regionale. Si vedano in merito le seguenti note ISTAT: