Rublo nuovamente sotto pressione

Crollo del prezzo del petrolio e attese inflazionistiche indeboliscono il rublo

.

Rublo russo I numeri della settimana

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? registrati!

La settimana appena terminata ha visto il prezzo del petrolio WTI scendere sotto i 50 dollari al barile e il rame sotto i 6000 dollari/ton. I mercati finanziari stanno scontando un rallentamento significativo dell’economia mondiale con conseguente minore domanda di materie prime. L’effetto sui tassi di cambio è stato immediato. Questa settimana si sono contemporaneamente deprezzate verso il dollaro, il rublo russo (2.8%), il peso cileno (1.5%), il dollaro canadese (1.3%), la corona norvegese (1.1%) e il dollaro australiano (0.9%). All’opposto si sono apprezzate le valute dei paesi grandi importatori di materie prime, come la rupia indiana (2.6%) e lo yen giapponese (2%).

La valuta che, in termini di tasso di cambio effettivo, si è maggiormente deprezzata è stato il rublo russo.

Tasso di cambio effettivo del rublo


Come risulta dal grafico sopra riportato, il rublo si è riavvicinato al valore minino del 2018, vanificando lo sforzo fatto dalle autorità monetarie russe per contrastare il deprezzamento del cambio e recuperare la forte svalutazione subita nei primi giorni di aprile

Le motivazioni di questo nuovo indebolimento del rublo vanno ricercate, oltre che nella caduta del prezzo del petrolio, nella difficoltà della banca centrale di contenere l’inflazione entro l’obiettivo del 4%. I recenti dati sulle variazioni dei prezzi hanno alimentato aspettative di ulteriori aumenti dei tassi di interesse, dopo che il 14 dicembre 2018 essi sono stati aumentati al 7.75%.


Registrati e iscriviti alla Newsletter

Per ricevere un aggiornamento settimanale dei temi in evidenza di Ulisse Magazine e per accedere e scaricare i contenuti esclusivi del portale Export Planning

Iscriviti