Agroalimentare: continua la crescita diffusa dell'export italiano

Conferme di ritmi accelerati dell'agroalimentare Made in Italy

.

Data visualization Mercati esteri Congiuntura Made in Italy Trainanti Marketing internazionale Internazionalizzazione Export territoriale Agroalimentare Agroalimentare

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? registrati!

Il comparto agroalimentare continua ad evidenziare performance positive delle esportazioni italiane, diffuse sia a livello merceologico che geografico.
In particolare, il primo trimestre del 2019 ha segnato una crescita tendenziale del 6.5% nei valori in euro, confermandosi l'industria in assoluto più dinamica - insieme al Sistema Moda - nel quadro delle esportazioni nazionali.

AGROALIMENTARE: var. % tend. in euro nel 1° Trimestre 2019
delle esportazioni italiane per mercato e comparto

AGROALIMENTARE: var. % tendenziali in euro nel 1° Trim. 2019 delle esportazioni italiane
Fonte: Exportpedia.it
La dimensione dei rettangoli è proporzionale al valore esportato.

Confectionery, beverage, formaggi e altri prodotti latte i comparti in assoluto più dinamici; Stati Uniti e Regno Unito i mercati con i ritmi di crescita più accelerati.


Comparti e mercati trainanti

Come documenta la sezione Exportpedia relativa al dettaglio delle esportazioni territoriali di prodotti agroalimentari, i comparti più dinamici nelle variazioni tendenziali in euro nel primo trimestre dell'anno sono risultati, nell'ordine:

  1. Cioccolato (+14.1% rispetto al corrispondente periodo 2018), in virtù dei favorevoli andamenti sulla maggior parte dei mercati europei (Francia su tutti), ma anche delle performance di crescita a due cifre nei tassi tendenziali in euro delle vendite verso Asia e Oceania e Medio Oriente;
  2. Vino e altre bevande (+14%), grazie a dinamiche di crescita diffuse sia ai mercati europei (Germania e Regno Unito su tutti) sia anche - tra le destinazioni extra-europee - Stati Uniti, Giappone e (anche se in misura minore) Cina;
  3. Formaggi e altri prodotti del latte (+12.5%), con performance particolarmente dinamiche sui mercati di Germania, Stati Uniti e area Asia e Oceania;
  4. Dolciumi, condimenti e piatti pronti (+9.8%), con le dinamiche più accelerate registrate sui mercati di Germania, Regno Unito, Olanda, Stati Uniti e Giappone;
  5. Pasta, biscotti e altri prodotti da forno (+9.7%), trainato soprattutto dalle vendite verso Germania, Stati Uniti, Canada ed Arabia Saudita.

L'export agroalimentare italiano ha evidenziato, inoltre, andamenti positivi nei comparti Conserve e succhi di ortaggi e frutta (+6.5%, grazie soprattutto alla dinamicità delle vendite verso UK e USA) e Cereali e ortaggi (+5.8%, con aumenti diffusi a tutti i principali mercati).

Al Nord Cuneo (vini, frutta e spezie), Piacenza (pasta, dolci e prodotti da forno, condimenti e piatti pronti), Verona (formaggi), al Sud Foggia (conserve) e Salerno (dolci e pasta) risultano le province più dinamiche.

Casi di eccellenza territoriali

A livello territoriale, nel primo trimestre dell'anno l'export agroalimentare italiano ha visto le conferme delle crescite delle province di:

Da segnalare, inoltre, i casi di rilevante crescite delle vendite di conserve e succhi di ortaggi e frutta delle province di Foggia (soprattutto verso Regno Unito e Germania) e Salerno (che registra anche le crescite nei comparti dolciumi, condimenti e piatti pronti e pasta).