La richiesta del settore Food nei paesi emergenti

I paesi emergenti nell'area europea e asiatica sono i principali importatori di agroalimentare italiano

.

Siulisse Food&Beverage Driving Europe Emerging markets Data visualization Foreign market analysis

Log in to use the pretty print function and embed function.
Aren't you signed up yet? Log in!

Dopo aver analizzato i principali paesi industrializzati trainanti le importazioni agroalimentari dall'Italia (leggi l'articolo), in questo articolo metteremo in luce la panoramica dei mercati emergenti trainanti e frenanti l'agroalimentare italiano.

Sulla base dei dati StudiaBo relativi ai primi nove mesi dell'anno e disponibili nei datamart Congiuntura WLD del Sistema Informativo Ulisse, è possibile una disamina delle recenti performance sui mercati esteri del settore Agroalimentare italiano.
Nel grafico sotto presentato, sono riportati i principali paesi emergenti che hanno importato agroalimentare dall'Italia nei primi 3 trimestri del 2017.



Agroalimentare: confronto tra le performance italiane e mondiali sui paesi emergenti

Grafico interattivo - al posizionamento del mouse su un mercato, visualizza le informazioni ad esso relative


Agroalimentare: Paesi emergenti trainanti

L'Europa UE è la meta principale delle esportazioni italiane di Agroalimentare. Secondo i dati del Sistema Informativo Ulisse il 60% delle richieste del settore agroalimentare italiano, nei primi nove mesi dell'anno, sono arrivate dai paesi UE.
Il principale partner commerciale, tra i paesi emergenti, è la Polonia che nel 2016 ha importato 700 milioni di euro di prodotti Food dall'Italia (+9.2% per l'export italiano, a fronte del +2.7% dell'insieme dei concorrenti).

Sempre nell'area UE, si segnalano le performance positive e più favorevoli della media dei competitori sui mercati emergenti di Lituania (+10.3% per l'export italiano, a fronte del +34.6% dell'insieme dei concorrenti), Estonia (+28.9% per le vendite dall'Italia, contro il +17% del totale competitori), Croazia (+25.4% per le vendite italiane, contro il +7.7% del totale concorrenti), Ungheria (+9.2% per le vendite italiane, contro il +6.6% del totale concorrenti) e Repubblica Ceca.

Da rilevare, inoltre, le performance particolarmente accelerate dell'export italiano di Agroalimentare – più favorevoli del totale dei concorrenti - sui mercati emergenti dell'area Europa NON UE: su tutti, si segnala il risultato di crescita della Russia (+28.1% per le vendite italiane, contro il +19.3% del totale concorrenti) e della Turchia (+25.4% per le vendite italiane, contro il +7.7% del totale concorrenti).

Molto positive anche le performance delle vendite italiane di Agroalimentare, superiori dell'insieme dei concorrenti, dell'America Latina: Brasile(+31.7% per le vendite italiane, contro il +4.1% del totale concorrenti) , Cile (+59.8% per le vendite italiane, contro il +19.1% del totale concorrenti), Argentina (+44% per le vendite italiane, contro il +16.5% del totale concorrenti) e Colombia (+16.6% per le vendite italiane, contro il +9.3% del totale concorrenti).

Andamenti positivi dell'export italiano settoriale hanno infine interessato i mercati asiatici, soprattutto con riferimento alla Cina (dove le vendite italiane risultano in aumento di 19.4 punti percentuali, contro il +9.4% della media dei competitori) e Taiwan (+13.1%, a fronte del +8.2% dell'insieme dei competitori). Meno dinamiche della media dei concorrenti, invece, le performance - comunque positive - delle vendite italiane in India, Vietnam e Malesia.


Agroalimentare: Paesi emergenti frenanti

La principale area di mercato frenante l'export italiano di Agroalimentare nei primi 9 mesi dell'anno è rappresentata dal Medio Oriente, che ha segnato un calo complessivo delle vendite dall'Italia dovuto principalmente alle negative performance – peggiori della media dei competitori - sui mercati di Egitto (-46.2% tendenziale), Arabia Saudita (-15%), Emirati Arabi Uniti (-7.5%), Oman e Kuwait.

Di particolare interesse è il caso dell'Egitto, dove le importazioni complessive di prodotti agroalimentari sono crollati del 23% e le esportazioni italiane del 46%. Il fattore determinante di questa debacle è stata la forte svalutazione subita dalla Lira egiziana.   
Le tensioni geo-politiche e il conseguente crollo del turismo in Egitto, hanno indotto la Banca Centrale del paese -nel mese di novembre del 2016-  ad abbandonare il peg che la Lira egiziana deteneva con il dollaro, al fine di adeguare la valuta locale ai fondamentali economici del Paese.
Il caso dell'Egitto è quindi un evento emblematico, in quanto, mostra quanto importante sia la forza del tasso di cambio per valutare attrattività  di un mercato di esportazione. L'Egitto, infatti, negli ultimi 3 anni ha avuto una crescita economica relativamente sostenuta (superiore al 4% annua sia nel biennio 2015-2016, sia nell'anno corrente). La forte svalutazione subita dalla Lira egiziana tra la fine del 2016 e l'inizio di quest'anno, però, ha fatto crollare il potere d'acquisto del Paese nei confronti dell'area euro, impattando negativamente sulle importazioni del Paese.


Sign up and subscribe our Newsletter

To get a weekly update on the latest Ulisse Magazine topics and download exclusive content from Export Planning

Subscribe