Commercio mondiale oltre le attese: si intensifica la ripresa nel secondo trimestre 2021

Nel secondo trimestre 2021 continua la crescita della domanda mondiale che registra una variazione tendenziale prossima al 7% in quantità rispetto al 2019-Q2

.

Congiuntura Domanda mondiale Previsioni PMI Congiuntura Internazionale

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? registrati!

L’ultimo aggiornamento dei dati sul commercio mondiale, ci offre un quadro più chiaro delle dinamiche che stanno caratterizzando gli scambi internazionali.
Come raccontato a più riprese, alla forte contrazione avvenuta nei mesi primaverili dello scorso anno (in particolare aprile e maggio hanno fatto registrare una caduta tendenziale superiore al -20%), è seguita una celere ripresa che, nei mesi finali del 2020, ha riportato la domanda mondiale a recuperare progressivamente i corrispondenti livelli pre-crisi. Nel 2021, invece, è iniziata una vera e propria crescita sistematica che sta oltrepassando di gran lunga le aspettative.
Nel grafico seguente sono riportate le variazioni tendenziali (rispetto al corrispondente mese dell’anno precedente) della domanda mondiale di beni in dollari, confrontando le informazioni elaborate dall'istituto CPB|Economic Policy Analysis con quelle disponibili in ExportPlanning.

Fonte: Elaborazioni ExportPlanning

Dal grafico emerge il sostanziale allineamento della dinamica delle due serie, quale garanzia dell’affidabilità dei risultati.
Come da aspettativa, la fortissima variazione positiva di aprile-maggio 2021 si può in parte ricondurre a un mero "effetto base" di tipo statistico, poiché è stata calcolata rispetto ai mesi di maggior crisi economica durante il Great Lockdown. Nonostante ciò, si registra una variazione del primo trimestre 2021 sul trimestre corrispettivo del 2019 del +11% in dollari. Complessivamente, nel primo semestre 2021, la crescita degli scambi in dollari è quindi stimata a +10% rispetto all’analogo semestre 2019.
Al fine di epurare l’effetto prezzo, risulta particolarmente utile analizzare anche la dinamica delle domanda mondiale a prezzi costanti.

Fonte: Elaborazioni ExportPlanning

Anche in questa circostanza, le due serie sono sostanzialmente allineate, seppur emergano delle differenze legate alla diversa metodogia utilizzata dai due istituti[1].
Come per il grafico precedente, anche in questo caso, per fare valutazioni più accurate sull’effettiva espansione del commercio mondiale, è necessario confrontare i valori del 2021 con quelli del 2019. Per il secondo trimestre si osserva un ottimo +6,6% in quantità, che si prevede possa crescere oltre il 7% per i trimestri successivi. Se si considera l’intero primo semestre si ottiene invece +5,5%, anche questo destinato ad aumentare nella seconda metà del 2021.

Uno sguardo al PMI

Un ulteriore indicatore della prestazione economica che sta caratterizzando questo periodo storico post-pandemico, nonché anticipatore del commercio mondiale, è il Purchasing Managers’ Index (PMI) relativo all'industria manifatturiera. Esso riassume le aspettative di espansione o meno della produzione manifatturiera sulla base degli acquisti da parte dei buyer delle varie imprese attive sul mercato. Il grafico che segue riporta l'ultimo aggiornamento del PMI Index fino al mese di giugno 2021.

Fonte: Elaborazioni ExportPlanning

Dal grafico risulta come nel 2019 fosse iniziata una fase di leggero declino, soprattutto per l’area europea, con un PMI al di sotto della soglia critica di 50 dai primi mesi del 2019. Nel periodo del Great Lockdown, possiamo notare la caduta della Cina già da febbraio 2020, essendo stata l’epicentro della prima ondata dell’epidemia, mentre per il resto del mondo il picco negativo è avvenuto nei mesi di aprile e maggio.
Dal mese di luglio 2020 in poi, il PMI Index non è più sceso sotto la soglia del 50. Da notare che la Cina ha anticipato la ripresa già da marzo 2020 e proprio per questo nella prima metà del 2021 ha sofferto un rallentamento, seppur mantenendosi a quota 52. Al contrario, Il PMI di Europa e Stati Uniti, e più in generale quello mondiale, dopo il duro colpo subìto dalla pandemia di Sars-Cov-2, negli ultimi mesi ha raggiunto valori estremamente elevati, a conferma dell’attesa di espansione per l’immediato futuro.

Conclusioni

L’analisi appena effettuata sulla dinamica della domanda mondiale ci conferma che il rimbalzo degli scambi dopo la crisi pandemica sta proseguendo a ritmi ancora più sostenuti. I tassi di crescita mostrati sia relativi allo scorso anno, sia al 2019, sono di gran lunga superiori alle aspettative e si prevedono ulteriori miglioramenti nei prossimi mesi. Sulla base dei modelli di nowcasting di ExportPlanning, aggiornati ai dati più recenti, la crescita in valore stimata per il 2021 è del +17% in dollari e +13% in quantità rispetto al 2020. Rispetto ai livelli del 2019 i tassi di crescita risultato rispettivamente del +10% in dollari e del +6,5% in quantità.
Alla luce dei dati fin’ora raccolti, il risultato testimonia un cammino di forte recupero del commercio mondiale, che potrebbe sovraperformare le attuali aspettative dei previsori internazionali, che ipotizzano una crescita in volume dell’ordine del 8-10%. Inoltre, i segnali che provengono dall’indice PMI, evidenziano come il “momentum” possa progressivamente espandersi nei prossimi mesi, testimonianza delle aspettative espansive che stanno distinguendo fino a questo momento il 2021.


[1] Per effettuare questa deflazione esistono varie metodologie. Il CPB deflaziona gli scambi in dollari totali di un paese con un indice di prezzo ottenuto considerando i tassi di cambio delle diverse valute e l’inflazione nei vari paesi, ricavata dalle indagini sui prezzi al consumo, all’ingrosso e alla produzione. ExportPlanning utilizza degli opportuni indici di prezzo ottenuti utilizzando i valori medi unitari a livello di singolo codice Harmonized System a 6 digit.