Nuova stagione di crescita per le esportazioni italiane di Macchine Agricole

L’EIMA, rassegna fieristica della meccanica agricola, si apre all’insegna dei buoni risultati internazionali messi a segno dagli esportatori italiani nell’era post-Covid

.

Made in Italy Italia Export Italia

Log in to use the pretty print function and embed function.
Aren't you signed up yet? Log in!

In questi giorni va in scena all’EIMA International, Esposizione Internazionale di Macchine per l’Agricoltura e il Giardinaggio, la vetrina delle macchine agricole made in Italy, appuntamento a cadenza biennale che si tiene presso il quartiere fieristico bolognese. L’evento diventa quindi l’occasione per fare il punto sul quadro congiunturale delle esportazioni del Belpaese, che, a seguito della crisi pandemica, hanno registrato un ampio e significativo rimbalzo.

Sulla base delle informazioni più recenti, relative ai primi nove mesi dell’anno (pre-stime ExportPlanning a partire dai dati di fonte Eurostat), le esportazioni italiane hanno registrato un aumento superiore al 21% rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno. Particolarmente significativo risulta il confronto con il dato pre-crisi, che permette di depurare dagli effetti base di tipo statistico legati alla contrazione registrata nell'annus horribilis, e che evidenzia una crescita del 17% nei primi nove mesi del 2021 rispetto allo stesso periodo 2019.
In particolare, il grafico che segue permette di documentare i tassi di variazione registrati dall’export italiano dall’inizio del nuovo anno rispetto ai corrispondenti periodi 2019 e 2020.

Fig.1 - Esportazioni italiane di Macchine Agricole
Variazione tendenziale sul corrispondente periodo 2019 e 2020

Fonte: Elaborazioni ExportPlanning.

Risulta evidente come la crescita delle vendite all’estero di macchine agricole made in Italy sia stata particolarmente intensa nel corso dei primi due trimestri del 2021, a fronte di aumenti a doppia cifra segnati sia sul 2020 che sul 2019. Anche i dati relativi al terzo trimestre si mantengono su note positive, pur segnalano un debole rallentamento del ritmo espansivo.
Complessivamente, i dati permettono di testimoniare una fase di recupero particolarmente spiccata delle esportazioni italiane di macchine agricole, che, sostenute dal favorevole quadro congiunturale della domanda mondiale, si collocano in terreno di crescita significativa rispetto ai valori pre-crisi. Tra i beni durevoli, e in particolare per l'industria dei mezzi di trasporto, il settore delle macchine agricole è infatti stato tra quelli che ha maggiormente contenuto le perdite nel corso del 2020, inaugurando una nuova stagione di aumenti rispetto ai livelli pre-pandemici a inizio 2021; crescita che sembra esser stata ben intercettata dalle imprese esportatrici italiane.

Questo risultato risulta particolarmente importante se si tiene conto della dinamica storica sperimentata negli ultimi anni dalla quota di commercio mondiale italiana del comparto.
Sebbene il Belpaese rimanga saldamente ancorato nella top 5 dei maggiori player internazionali di settore, sin da inizio secolo ha sperimentato una progressiva e significativa perdita di competitività. Se infatti nel 2000 l’Italia deteneva circa il 13% del commercio mondiale di macchine agricole, oggi la sua percentuale si è praticamente dimezzata. Lo stesso fenomeno ha interessato anche il competitor americano, ma non i “vicini” competitori tedeschi, che si sono invece stabilmente mantenuti sulla quota del 18% di inizio secolo (si veda Fig.2).

Fig.2 - Quote di commercio mondiale detenute dai maggiori esportatori di Macchine Agricole
(1995-2020)

Fonte: Elaborazioni ExportPlanning.

La pandemia può forse rappresentare un game-changer per gli esportatori italiani del settore?

Sei interessato a ricevere una selezione delle più rilevanti news della settimana sul commercio estero? Iscriviti gratis a World Business Newsletter!

Vai agli ultimi numeri della World Business Newsletter

I risultati molto positivi messi a segno nel corso degli ultimi mesi sembrano però suggerire un’inversione di tendenza: nei trimestri più recenti si è infatti assistito a un progressivo guadagno delle quote detenute dall’Italia rispetto ai principali competitori europei, invertendo il trend discendente che aveva caratterizzato gli ultimi anni.

Fig.3 - Quote delle esportazioni italiane sul totale delle esportazioni UE
Valore annuo cumulato (2000Q1-2021Q3)

Fonte: Elaborazioni ExportPlanning.

Nel post pandemia, il settore industriale della macchine agricole italiano sembra aver reagito bene, intercettando la crescita della domanda mondiale e guadagnando competitività. Naturalmente i prossimi mesi saranno cruciali affinché si possa parlare di fenomeno strutturale e duraturo; tuttavia, i presupposti per inaugurare la 44esima edizione di EIMA International su toni particolarmente positivi ci sono tutti.