Potenzialità e accessibilità del mercato statunitense per i prodotti alimentari Made in Italy: focus etichettatura

.

Stati Uniti Marketselection Made in Italy Dove esportare Agroalimentare Agroalimentare

Log in to use the pretty print function and embed function.
Aren't you signed up yet? Log in!

Il mercato statunitense offre, da sempre, un panorama di opportunità per gli esportatori (italiani e internazionali) di prodotti alimentari. Nonostante le problematiche causate dalla pandemia del virus Covid-19, nel 2020 le esportazioni di prodotti alimentari italiani dirette al mercato americano hanno registrato comunque andamenti positivi (+4.9% in euro rispetto al 2019).
Nel grafico qui riportato, si evidenzia la crescita sperimentata dall’export italiano nell'ultimo, che si colloca lungo un trend di aumento continuativo nel corso degli ultimi dieci anni.


La graduatoria di potenzialità mercati, formulata tramite ExportPlanning (si veda la tabella qui riportata), posiziona gli Stati Uniti al primo posto assoluto per potenzialità di prodotti alimentari.

Graduatoria potenzialità mercati per Alimentari confezionati e Bevande


I dati maggiormente significativi riguardano:
  • il valore delle importazioni, oltre 63 miliardi di euro;
  • l’incidenza della fascia alta e medio alta di prezzo, pari al 45,47 % per l’anno 2019;
  • le previsioni future di crescita, con un incremento complessivo di quasi 11 miliardi di euro stimato nello scenario al 2023;
  • una stima del consumo interno, e cioè della domanda di mercato, pari a oltre 103 miliardi di euro per l’anno 2019.

Inoltre, come documenta il grafico riportato, estratto dal Sistema Informativo ExportPlanning, si segnala come, nel corso degli ultimi anni, si sia verificato un significativo incremento della fascia di prezzo dei prodotti alimentari importati dal Belpaese.
In particolare la fascia medio-alta di prezzo è aumentata in modo rilevante, indicando come vi sia una sempre maggiore attenzione da parte del consumatore statunitense nell'acquisto dei prodotti alimentari “Made in Italy”.


Elemento principale di accessibilità: l'etichettatura

Uno degli elementi da non sottovalutare in tema accessibilità nel mercato USA è l’etichettatura dei prodotti alimentari. Le regole da seguire sono molto chiare e semplici ma è fondamentale conoscerle per evitare intoppi a livello doganale, ritardi e ulteriori costi aggiuntivi.

Le etichette dei prodotti esportati negli Stati Uniti devo rispettare le normative FDA (Food and Drug Administration - ente responsabile per la regolamentazione e sicurezza dei prodotti alimentari) in materia. Risulta obbligatoria ex lege una prima registrazione dell’azienda all'FDA, così come la conseguente nomina di un Agente FDA per le relative comunicazioni tra ente e azienda produttrice.

Composizione etichettatura

Gli elementi da tenere in considerazione nella realizzazione dell’etichettatura per il mercato USA1 sono:
  • PDP Principal Display Panel - dove è obbligatorio indicare il nome dell'alimento e la quantità netta;
  • Information Panel - che comprende Nome e Indirizzo del produttore, confezionatore o distributore, l’intero elenco degli ingredienti e l’etichetta nutrizionale che indica tutte le informazioni nutrizionali.

È particolarmente importante prestare attenzione anche alla posizione delle informazioni sull'etichetta, alla dimensione dei caratteri utilizzati e alle bordature. Tutto deve essere ben delineato al fine di rispettare gli obblighi in materia di esportazione dei prodotti alimentari nel territorio USA. Vi sono infatti precise indicazioni in materia di posizione, contenuto, dimensione e carattere utilizzato, così come per gli allergeni, per i vari claims2 - suddivisi in health claims, nutrient content claims e structure claims - e per tutti gli additivi.

Prodotti come carni, pollami e uova, hanno una procedura differente in termini di etichettatura; in questi casi è necessario rivolgersi alle USDA-Autorità Statunitensi del Dipartimento dell’Agricoltura. Quest’ultimo definisce il rischio paese in relazione allo status sanitario relativamente alle patologie degli animali, sicurezza alimentare, bollo di ispezione oltre agli standard descritti per le generiche etichette. Tutte le indicazioni di istruzioni alimentari, claims nutrizionali, elenco ingredienti sono le stesse dei prodotti regolati dalla FDA.

Per maggiori informazioni o chiarimenti segnaliamo l'articolo "Elementi di Accessibilità Mercato USA: Etichettatura degli alimenti", che tratta l'argomento con maggior dettaglio.


1) Per maggiori informazioni si rimanda si rimanda alla relativa Guida IMA ExportPlanning.
2) Con questo termine si intendono le indicazioni nutrizionali o salutistiche applicate sulle confezioni dei prodotti alimentari a scopo pubblicitario.