PIASTRELLE IN CERAMICA: LA SFIDA COMPETITIVA ITALIANA SI BASA SU PRODOTTI DI QUALITA’

.

Premium price Home items Exchange rate Importexport Global economic trends

Log in to use the pretty print function and embed function.
Aren't you signed up yet? Log in!

di Mariano Peluso e Marino Serafino Il commercio mondiale di Piastrelle in ceramica ha raggiunto i 13.7 miliardi di Euro nel 2013 contro i 13.5 miliardi di Euro dell’anno precedente, registrando una crescita dell’1,1%. In termini di volumi, sono state scambiate 34,9 milioni di tonnellate, con diminuzione del 5,3% sull’ anno precedente (36,8 milioni di tonnellate). Nel quinquennio 2009-2013 l’incremento medio annuo degli scambi internazionali del settore è stato complessivamente del 10,2% in valore e dell’8,2% in volume. Nel 2013 la distribuzione dei flussi per fasce di prezzo ha evidenziato una diminuzione degli scambi nella fascia bassa e medio bassa del mercato (che rappresenta complessivamente il 45% dei flussi in valore) pari all’ 8,3% . La fascia alta e medio alta, che rappresenta il 37% del totale, ha invece registrato nell’ultimo anno un incremento dei valori pari al all’1% mentre la fascia media (18% del totale) ha registrato una forte crescita pari al 38,7%.

Dal punto di vista delle Macro Aree, in un 2013 caratterizzato da un trend mondiale abbastanza statico, l’area mondiale più dinamica è risultata quella NAFTA (USA, Canada, Messico) che ha fatto rilevare un incremento del 6,4% in euro nelle esportazioni e del 12,6% (sempre in euro) nelle importazioni. Di converso, l’Area MENA (Middle East e Nord Africa) si è notevolmente ridimensionata sia sul fronte export (-9,2% in euro) che import (+4,2% in euro, contro il +38,5% del 2012). L’Europa Occidentale si conferma come l’area di scambio più rilevante con un’incidenza del 41,8% sul totale export mondiale (+2% in euro la variazione dell'export totale dei paesi dell'area nel 2013) ed un' incidenza del 23,2% sull’import mondiale (-6,6% in euro la variazione dell'import totale dei paesi dell'area nel 2013). L’offerta di piastrelle ceramiche è piuttosto concentrata: nel 2013 i tre paesi esportatori principali hanno realizzato il 72% circa dell’export mondiale del settore (Cina 35,3%, Italia 22,2%, Spagna 14,4%); sul lato import, invece, il quadro appare molto meno concentrato: i primi 10 paesi rappresentano poco più del 40% della domanda mondiale con in ordine di importanza USA (8,6%), Francia (7,3%), Arabia Saudita (5,6%), Russia (4,4%), Germania (4,3%). L’Italia è il secondo esportatore principale dopo la Cina. L’export del nostro paese ha registrato una crescita del 3,3% in euro nel 2013. I mercati di destinazione prevalenti riguardano soprattutto l’Europa Occidentale con il 51,8% anche se in costante calo (-2,3% in euro nel 2013) mentre risultano in crescita tutte le altre aree mondiali ed in particolare Medio Oriente-Nord Africa con un incremento del 21% nell’ultimo anno. I principali mercati di sbocco delle esportazioni italiane rimangono Francia, Stati Uniti e Germania che nel 2013 hanno rappresentato il 43,7% dei nostri flussi totali, con valori stabili rispetto all’anno precedente. Nel 2013, la domanda di prodotti italiani è risultata crescente in Francia (+8,3% in euro), USA (+13,2%), Russia (+11,3%)  oltre a Canada e Arabia Saudita mentre è diminuita soprattutto in Germania (-14,3%). Nel triennio 2011-2013 le performance esportative migliori sono state registrate da Cina (+19,8% in euro), Messico (+15,6%), Egitto (+20,5%) e Polonia (+14,2%). L’Italia è cresciuta solo del 2,6% mentre la Spagna nello stesso periodo è cresciuta del 5,2%. Focalizzando ora l’analisi solo sui prodotti di fascia di prezzo alta e medio alta, l’Italia esporta 2.7 miliardi di euro pari al 54,2% dell’export totale, seguita dalla Spagna con il 17,8% di quota export e dalla Cina con 10,4%. I primi tre paesi esportano, dunque, l’82,3% dei prodotti di qualità.

Analizzando nel dettaglio le performance nella fascia di prezzo alta e medio alta, l’Italia è cresciuta nell’ultimo triennio del 2,6% medio annuo (in euro) mentre la Spagna ha registrato una diminuzione dell’export pari al 5,6% medio annuo (sempre in euro). Una forte crescita ha, invece, registrato la Cina con un incremento medio annuo del 166% (in euro) nell’ultimo triennio. I mercati dove l’Italia ha realizzato le performance migliori sui segmenti di qualità tra il 2011 e il 2013 sono Stati Uniti (+15% medio annuo, in euro), Russia (+15,5%) e il Canada (+10%). La Francia, che rappresenta il nostro primo mercato di destinazione anche sui segmenti di qualità, ha registrato una crescita degli acquisti di piastrelle di qualità dall'Italia del 2,4%, mentre le vendite italiane di piastrelle di qualità in Germania sono diminuite nel triennio del 5,0%. Le vendite di prodotti di fascia alta e medio alta di produzione spagnola, invece, sono cresciute soprattutto in Russia (+22,2% in media nel triennio) e negli Stati Uniti (+17,8% ). L’export cinese di prodotti di fascia alta e medio alta è indirizzato soprattutto in Malesia (19,4%), Giappone (10,1%) e Stati Uniti (9,3%). L’Italia nell'ultimo triennio (2011-2013): -         ha perduto leggermente competitività nei confronti degli spagnoli su Russia e Stati Uniti nella vendita di prodotti di qualità; -         ha perduto soprattutto competitività in Germania registrando una riduzione di vendite per prodotti di qualità del 5,0% contro una riduzione delle richieste nel paese dell’1,4% nel triennio. -         ha mantenuto la leadership e la competitività in Francia, pur in presenza di una riduzione generalizzata delle richieste di prodotti di fascia alta e medio alta nel paese (-11,6%); Tra i paesi che hanno registrato una forte richiesta di prodotti di qualità nell’ultimo triennio oltre a Stati Uniti (+18,8%) e Russia (+20,9%) vi sono anche Canada (+9,5%), Giappone (+72%), Malesia (+800%) ed Arabia Saudita (+21,1%). In Canada e Arabia Saudita, l’Italia figura come primo paese importatore di piastrelle di qualità con circa l’82%. In Canada le importazioni dall’Italia sono aumentate in media del 10% nel triennio 2011-2013 contro una riduzione media di quelle spagnole dello 0,8%. In Arabia Saudita, l’import dall’Italia ha registrato una crescita del 20,9% contro una crescita dell’import cinese di qualità del 107,7%. Sul mercato Giapponese, la Cina (in crescita) è il primo importatore con il 50,4% di quota seguito dall’Italia (in crescita) con il 26,9% e dalle Filippine con il 14,2%. La spagna è al quarto posto con una quota del 2,4%. In Malesia, infine, l’import Cinese rappresenta il 97,6% del totale importazioni mentre l’Italia è al quarto posto con lo 0,2% di quota nella vendita di piastrelle di qualità. Le aziende cinesi rappresentano, dunque, per i produttori italiani, dei forti concorrenti nel commercio di piastrelle di fascia alta e medio alta, soprattutto in paesi come gli Stati uniti,  il Giappone, l’Arabia Saudita  e la Malesia. Il nostro paese, per non perdere competitività nei confronti dei principali paesi concorrenti (vedi Spagna e Cina), deve necessariamente continuare a puntare su prodotti di qualità elevata presidiando i mercati dove è già presente e rafforzando la sua presenza su mercati in crescita.