Impiantistica Industriale: quali sono i competitori dell'Italia sui segmenti premium-price

.

Exchange rate NAFTA Check performance Competitor analysis Foreign market analysis

Log in to use the pretty print function and embed function.
Aren't you signed up yet? Log in!

Il commercio mondiale del sistema dell'Impiantistica Industriale ( Apparecchi di regolazione automatici , Valvole e riduttori di pressione , Caldaie, turbine e motori , Pompe e compressori , Scambiatori di calore , Impianti siderurgici , Impianti chimici e per la lavorazione dei minerali ) sta sperimentando, da ormai oltre un decennio, ritmi di crescita particolarmente sostenuti. Se nel periodo 2001-2007 il commercio mondiale di Impiantistica Industriale era cresciuto in euro del +7.1% medio annuo, nel quinquennio più recente (2008-2012) il ritmo di crescita è stato anche più accelerato (+7.3% medio annuo in euro). Questo vuol dire che per le imprese che sono riuscite ad intercettare questa crescita, nell'ultimo quinquennio i loro fatturati realizzati all'estero hanno sperimentato mediamente un aumento cumulato superiore al 40% in euro. Tali dinamiche di crescita, secondo le previsioni Ulisse, sono attese mediamente confermarsi anche nel prossimo triennio (2013-2015). Purtroppo, tuttavia negli ultimi 5 anni i fatturati realizzati all'estero dalle imprese italiane di Impiantistica Industriale hanno registrato tassi di incremento pari a meno della metà della media mondiale: +3.3% medio annuo in euro tra il 2007 e il 2012, per un complessivo +17% in termini cumulati. Pur trattandosi di una performance di crescita comunque ampiamente superiore rispetto alla media del manifatturiero italiano (il cui ritmo di crescita sui mercati esteri si è fermato nell'ultimo quinquennio mediamente al di sotto del 2% annuo in euro correnti), complessivamente, tra il 2007 e il 2012, i produttori italiani di Impiantistica Industriale hanno perduto 1.3 punti di quote di commercio mondiale (dal 7.8% al 6.5%), scendendo dal 4° al 5° posto della graduatoria complessiva degli esportatori mondiali, superati negli ultimi anni dalla Cina e preceduti dai tradizionali competitori occidentali rappresentati da Stati Uniti, Germania, Giappone. Tuttavia, l'elemento più preoccupante è il posizionamento non di primo piano del nostro export sui segmenti di mercato premium-price . Se si considera, infatti, la graduatoria degli esportatori mondiali di Impiantistica Industriale presenti sulla Fascia Alta di prezzo, l'Italia risulta solamente all'8° posto di questa graduatoria, con una quota che nel 2012 si è fermata al 4.4%. Esportazioni di Impiantistica Industriale di fascia alta di prezzo (dati 2012; fonte: Sistema Informativo Ulisse)

Appaiono di gran lunga meglio posizionati i produttori di Stati Uniti , Regno Unito e Germania , rispettivamente ai primi tre posti della graduatoria dei paesi esportatori sulla Fascia Alta di prezzo, con quote superiori ciascuno ai 10 punti. I termini di paragone per le produzioni italiane a maggiore valore aggiunto devono quindi essere ricercati e approfonditi nell'ambito dei competitori di questi paesi. Vanno inoltre considerati i rilevanti progressi evidenziati nell'ultimo quinquennio sui segmenti di mercato a maggiore valore aggiunto dalle esportazioni di Giappone e Canada , che sulla Fascia Alta di prezzo hanno registrato tra il 2007 e il 2012 guadagni di quote superiori ai 3 punti, inserendosi rispettivamente al 4° e 5° posto di questa specifica graduatoria. In questa graduatoria, anche Francia (6° posto) e Svizzera (7° posto) fanno meglio dell'Italia. Crescite significative sulla Fascia Alta di prezzo vengono, infine, evidenziate dalle esportazioni di alcuni paesi emergenti come Corea del Sud , India , Russia e Brasile . Variazioni 2007-2012 Esportazioni di Fascia Alta di prezzo (fonte: Sistema Informativo Ulisse)

Nuovi leader con cui confrontarsi: Stati Uniti

Tra i paesi concorrenti nel commercio mondiale di prodotti di Impiantistica Industriale di qualità il caso più interessante è quello degli Stati Uniti . Sulla Fascia Alta di prezzo, negli ultimi 5 anni le esportazioni statunitensi hanno guadagnato qualcosa come 5 punti di quote, scalzando la Germania nella leadership sui segmenti di mercato a maggiore  premium-price . In termini di livelli, il giro d'affari realizzato dalle esportazioni statunitensi di Impiantistica Industriale di Fascia Alta di prezzo è passato dagli 817 milioni di euro del 2007 ai 2.5 miliardi di euro del 2012. I maggiori contributi a tale performance sono derivati dal comparto Caldaie, turbine e motori e, in misura minore, dai comparti Pompe e compressori e Valvole e riduttori di pressione . Si noti, infine, come il nostro paese è risultato nel 2012 il 5° mercato di destinazione delle esportazioni statunitensi di Impiantistica Industriale di Fascia Alta di prezzo, dopo Giappone, Belgio, Brasile e Regno Unito. La competizione portata sui segmenti a più elevato valore aggiunto dai produttori statunitensi risulta, quindi, per le imprese italiane una minaccia rilevante, oltre che sui mercati internazionali, anche con riferimento al mercato domestico.