Commercio mondiale a diverse velocità: maggiore crescita per gli scambi internazionali riguardanti i beni finali

.

Siulisse Industries Consumption pattern Foreign market analysis

Log in to use the pretty print function and embed function.
Aren't you signed up yet? Log in!

(in collaborazione con Annalisa Vignoli, StudiaBo srl)

La chiusura del terzo trimestre e i primi dati di ottobre-novembre hanno consentito a StudiaBo di effettuare una pre-stima dei risultati del commercio mondiale nel 2014, disponibile nel portale Ulisse Analytics .

La domanda mondiale è stimata essere aumentata in euro di appena 0.8 punti percentuali rispetto l'anno 2013. In un contesto di bassa dinamicità degli scambi mondiali, vanno tuttavia evidenziati i positivi risultati che hanno accomunato i BENI FINALI.

[caption id="attachment_4794" align="alignnone" width="1212" caption="Figura 1: Beni di CONSUMO: tassi di variazione 2014 Esportazioni Mondiali (euro correnti; fonte: SI Ulisse)"] [/caption]

Dalla Figura 1, relativa alla famiglia dei Beni di Consumo , emerge chiaramente come tutte le industrie relative a prodotti destinati ai consumi finali delle famiglie hanno registrato nel 2014 tassi di crescita dei valori in euro positivi nettamente maggiori rispetto a quelli del totale beni. In particolare i Prodotti e strumenti per la salute (+2.8% in euro) e per la persona (+2.6%) evidenziano le maggiori crescite rispetto all'anno 2013.

[caption id="attachment_4800" align="alignnone" width="1166" caption="Figura 2: Beni di INVESTIMENTO: tassi di variazione 2014 Esportazioni Mondiali (euro correnti; fonte: SI Ulisse)"] [/caption]

La Figura 2, relativa alla famiglia dei Beni di Investimento , segnala tassi di crescita dei valori in euro, ad esclusione di ”Strumenti e attrezzature per ICT e servizi”, molto più elevati rispetto al totale beni. In modo particolare, le esportazioni mondiali di “Macchine e impianti per i processi industriali” registrano un aumento superiore al 7% in euro rispetto all'anno precedente.

Da segnalare, inoltre, le positive performance delle industrie “Mezzi di trasporto e per l'agricoltura” (+4.7% in euro rispetto al 2013) e “Strumenti e attrezzature per l'industria”(+3.2%).

I risultati mediamente più favorevoli che nel 2014 hanno caratterizzato il commercio mondiale di BENI FINALI (per consumi e per investimenti) può aver trovato origine, almeno in parte, nei seguenti fenomeni:

  • una minor sensibilità dei prezzi finali, in un contesto di riduzione dei prezzi delle materie prime (che tipicamente manifesta i suoi effetti prima e principalmente sui beni intermedi);

  • una inversione, o almeno una attenuazione, dei processi di de-verticalizzazione delle filiere a livello internazionale, con una minore dinamicità degli scambi di beni intermedi.

Il primo fenomeno sembra “destinato” a venire meno, una volta che i meccanismi di trasmissione dei prezzi avranno prodotto i loro effetti sui settori a valle delle filiere produttive. Il secondo fenomeno, invece, può avere caratteristiche più durature: sarà, pertanto, importante verificare nei prossimi trimestri le dinamiche del commercio mondiale per le diverse famiglie di beni.