BICCHIERI E STOVIGLIE: riaccelerazione del commercio mondiale nel 2014

.

Home items Siulisse Global demand Forecast Industries Foreign market analysis

Log in to use the pretty print function and embed function.
Aren't you signed up yet? Log in!

Nel 2014 la domanda mondiale di Bicchieri e stoviglie ha riaccelerato; previsioni di consolidamento del ritmo di crescita nel triennio 2015-2017

La chiusura del terzo trimestre e i primi dati di ottobre-novembre hanno consentito a StudiaBo di effettuare una pre-stima dei risultati del commercio mondiale nel 2014. Sulla base di queste elaborazioni, disponibili a livello di industria, settore e prodotto Ulisse nel portale Ulisse Analytics , è stato inoltre possibile formulare uno scenario di previsione del commercio mondiale al 2017. Queste informazioni sono raccolte e analizzate da StudiaBo nella forma di Schede .

Nell'ambito del presente articolo, si dà un'illustrazione dell'evoluzione del commercio mondiale di Bicchieri e stoviglie , sollecitando chi è interessato a sviluppare una propria analisi a livello di prodotto.

[caption id="attachment_4878" align="alignnone" width="937" caption="Figura 1 - Bicchieri e stoviglie: evoluzione della domanda mondiale"] [/caption]

Nel 2014 la domanda mondiale di Bicchieri e stoviglie ha registrato un aumento del +4.7% in euro rispetto al 2013, recuperando quindi un profilo di crescita dopo la brusca frenata dell'anno precedente. Il valore complessivo della domanda mondiale del settore è arrivato l'anno scorso vicino ai 19 miliardi di euro, che costituisce un nuovo massimo assoluto (Figura 1).

[caption id="attachment_4879" align="alignnone" width="1008" caption="Figura 2 - Bicchieri e stoviglie: previsione del commercio mondiale"] [/caption]

Le previsioni formulate da StudiaBo nell'ambito del Sistema Informativo Ulisse indicano per il triennio 2015-2017 un consolidamento degli spunti di crescita evidenziati l'anno scorso, con una stima di incrementi del commercio mondiale di Bicchieri e stoviglie nell'ordine del + 5 % medio annuo in euro (Figura 2), in linea con l'esperienza storica del settore di metà dello scorso decennio.