Bilance Industriali per Retail e Gdo: Opportunita’ per l'Export Italiano

.

Premium price Exchange rate Metal industry Trade balance Foreign market analysis

Log in to use the pretty print function and embed function.
Aren't you signed up yet? Log in!

di Mariano Peluso e Marino Serafino Il commercio mondiale di Bilance per Retail e GDO (portata <30 kg) ha raggiunto i 521,7 milioni di Euro nel 2013 contro i 515,6 dell’anno precedente, registrando dunque una crescita dell’1,2%. In termini di volumi sono state scambiate 25 mila tonnellate di prodotti con un incremento del 2% sul 2012. Il quinquennio 2009-2013 è stato caratterizzato da un incremento medio annuo degli scambi settoriali complessivi a livello mondiale del 6,5%  in Euro e dell’8,6% in volume. Nel 2013 la distribuzione dei flussi merceologici in Euro per fasce di prezzo ha evidenziato una diminuzione degli scambi nella fascia bassa e medio bassa del mercato (pari al 40% dei flussi totali in valore) del 4,8% mentre la fascia alta/medio alta (54% del totale) nell'ultimo anno ha  registrato un incremento del 5,2%. La fascia media (pari al 6,6% del totale) è cresciuta del 9,2%. L’Europa Occidentale, con un’incidenza del 45,4% sul totale export mondiale, si conferma come secondo polo più rilevante nell'export dopo l’Asia (46,6%) mentre, per quanto riguarda le importazioni, l’Europa Occidentale mantiene la prima posizione come area di mercato con il 36% circa dei flussi globali, seguita dall'area NAFTA con un promettente valore complessivo di oltre 110 milioni di euro (21,1%), molto interessante per le imprese italiane del settore ed in costante crescita nel periodo 2009-2013 (+11,6% m.a. in Euro). L’offerta mondiale di Bilance per Retail e GDO appare molto concentrata: nel 2013 i due principali paesi esportatori, Cina (32,6%) e Germania (28,7%), hanno realizzato il 61,3% dell’export mondiale settoriale, seguiti da Stati Uniti, Regno Unito e Svizzera, con quote minori.   Per quanto riguarda le importazioni invece, lo scenario mondiale appare più disperso: i primi 10 paesi rappresentano poco più del 50% della domanda mondiale con, in ordine di importanza, USA (16,5%), Francia (6,3%), Russia (4,8%), Italia (4,5%), Regno Unito (4,1%) e Germania (4%). L’Italia si posiziona solo all’11° posto tra i paesi esportatori, con la modesta quota dell’1,4%, preceduta da un blocco di paesi asiatici (Indonesia, Sud Corea, Giappone, Singapore) e anche dalla Danimarca. Nel 2013 le esportazioni italiane hanno registrato una contrazione media annua del 4,3% in euro. I mercati di destinazione prevalenti riguardano soprattutto l’Europa Occidentale con il 50% dei flussi totali (+11,2% sul 2012) seguita Europa Centro-orientale con il 15% (-23,7%), Area MENA (Middle East e Nord Africa) con l’11,2% (-3,9% ), Area NAFTA con il 7,7% (+7% )  e America Latina con il 7% (-10,4%). In particolare tra i paesi destinatari, al primo posto si colloca la Francia, con il 13,6%, seguita dalla Svizzera con l’8%, Spagna (6,8%), Regno Unito (5,8%), USA (5,7%), Germania (4,2%), Brasile (3,3%), Turchia (3,3%). L’export italiano verso la Cina rappresenta solo il 2,4% del totale ed è risultato in diminuzione nell'ultimo triennio (-37,5%). Nel 2013 la domanda in Euro di prodotti italiani sui principali mercati è risultata crescente in Francia (+18,5%), Svizzera (+190,7%), Spagna (+49,5%), USA (+68,6%) oltre a Russia, Romania, Arabia Saudita, Lituania, Emirati Arabi, Ucraina, Norvegia, flussi caratterizzati comunque da valori monetari molto contenuti. La bilancia commerciale italiana del settore appare fortemente deficitaria: il valore delle esportazioni 2013 ha raggiunto i 7,3 milioni di Euro mentre quello delle importazioni i 23,6 milioni di euro, con un saldo negativo pari a 16,3 milioni di Euro. Nel triennio 2011-2013, a fronte della stabilità della leadership di Cina e Germania, l’ export performance in valore più significativa tra i principali paesi è stata registrata dall’India, con un incremento complessivo del+39,6% in euro, seguita da Indonesia (36,5%), Francia (29,2%), Russia (27,7%) e Olanda (13,6%). L’Italia è cresciuta del 4,1%, la Cina del 2%, mentre le esportazioni della Germania sono diminuite del 2,8%. Focalizzando l’analisi solo sulle fasce di prezzo alta e medio alta si nota che le esportazioni italiane hanno riguardato prevalentemente prodotti di alta gamma. In termini di valore, il 91% dell’export italiano è concentrato in prodotti delle fasce alte di prezzo ed il trend è in crescita. Nell’ultimo triennio le esportazioni di alta gamma sono cresciute del 58,6%. I principali paesi che esportano prodotti di alta gamma sono Germania (50,7% dell’export), Regno Unito (8,4%), Stati Uniti (6,9%) e Svizzera (6,4%). L’Italia si posiziona all’ottavo posto ma – come detto - con performance di significativa crescita, al contrario di Germania (-1,3% nel 2013), Regno Unito (-4,4%) e Svizzera (-14,6%). In crescita, infine, l’export di alta gamma degli Stati Uniti (+20,1% nel 2013). I mercati di destinazione dei prodotti italiani di alta gamma sono soprattutto Francia (14,2% dell’export italiano delle fasce alte di prezzo), Svizzera (8,4%), Spagna (7,2%), Regno Unito (6,0%) e Stati Uniti (5,9%). Le vendite italiane di alta gamma sono in crescita in tutti i paesi ad eccezione del Regno unito che ha registrato una diminuzione delle richieste dall'Italia dell’11,8% nel 2013.   Nel mondo, tra i paesi che hanno registrato l'anno scorso la maggiore richiesta di prodotti di qualità nell’ultimo triennio emergono Stati Uniti (+20,4% in euro) Olanda (+20,4%), Russia (+15,3%) e Canada (+54,4%). Interessanti le crescite della domanda di bilance di qualità nel 2013 anche da  parte di Australia (+17,7% in euro), Singapore (+17,3),  Turchia (+18,3%), Messico (+18,3%) e Cile (+88,5%). Per quanto riguarda il mercato degli Stati Uniti, l’86% della domanda di alta gamma è soddisfatta da prodotti provenienti dalla Germania (65,4% dell’import delle fasce alte di prezzo) e Regno Unito (20,8%). Entrambi i paesi sono in forte crescita nel triennio 2011-2013 anche se le importazioni dal Regno Unito sono diminuite dell’1% nell’ultimo anno. L’Italia si posiziona al quinto posto sul mercato USA, con una quota dell’1,3% ma registra una crescita del +68,6 in euro nel 2013. Per quanto riguarda, invece, il mercato canadese il 90% dei prodotti canadesi sono importati da Stati Uniti (58,3%), Indonesia (16,6%) e Germania (15,6%) mentre l’Italia rappresenta appena lo 0,2% delle importazioni. L’Olanda importa bilance di alta gamma (75% dei propri consumi) da Germania (64%) e Belgio (10,8%) mentre l’Italia non è presente tra i paesi fornitori. In Russia, le bilance di alta gamma provengono da Germania (38,5%), Regno Unito (16,6%) e Austria (10,9%). Nel 2013 la domanda è diminuita per i prodotti tedeschi (-8,8%) e inglesi (-21,7%) mentre sono aumentate le richieste dall’Austria (+7,6%). I prodotti italiani sono in forte crescita ma l’import dall’Italia rappresenta ad oggi appena lo 0,6% del valore totale importato dal mercato russo sui segmenti di qualità. Per i produttori italiani   appaiono dunque significative le opportunità di incrementare le esportazioni di alta gamma verso i paesi che stanno richiedendo questa a tipologia di prodotti, come Stati Uniti, Canada e Messico in Nord America, Olanda e Russia in Europa e Turchia in Asia. Significativo anche l’aumento delle richieste di prodotti di qualità da parte di Singapore (+17,3% nel triennio 2011-2013), Australia (+17,7%), Indonesia (+46,6) e Cile (+88,5%).