Mantova: esportazioni provinciali in peggioramento, nonostante i contributi positivi dal mercato statunitense

.

Regional export Exchange rate Siulisse Planning NAFTA Conjuncture Check performance Global economic trends

Log in to use the pretty print function and embed function.
Aren't you signed up yet? Log in!

I dati pubblicati dall'Istat sulle esportazioni delle varie province italiane segnalano nel II trimestre del 2014 un peggioramento per le esportazioni della provincia di Mantova. Dopo aver messo a segno nel primo trimestre dell'anno una variazione tendenziale del -1.5% in euro, nel secondo trimestre le vendite all'estero delle imprese manifatturiere localizzate nella provincia di  Mantova hanno registrato un calo tendenziale del -5.2% rispetto al corrispondente periodo del 2013.

I dati visualizzati in Exportpedia ( www.exportpedia.it ) consentono di cogliere in maniera immediata quali sono i mercati esteri che hanno determinato tale performance e i cambiamenti intervenuti nei due trimestri.

Contributi alla crescita delle esportazioni della provincia di Mantova
Primo trimestre 2014 Secondo trimestre 2014

Le mappe qui sopra riportate presentano i contributi alla crescita delle esportazioni della provincia legati ai diversi mercati esteri. Sono evidenti significativi cambiamenti tra il primo e il secondo trimestre, con alcune conferme.

Le conferme negative provengono da Francia , Turchia , Grecia , Austria , Ungheria , Spagna , Brasile , Sud Africa . In peggioramento , inoltre, le vendite delle imprese della provincia rivolte soprattutto a Germania , Regno Unito e Russia .

Sul fronte, invece, dei risultati positivi , si evidenzia il recente rafforzamento delle vendite della provincia rivolte al mercato statunitense . Negli USA le esportazioni della provincia di Mantova hanno registrato nel secondo trimestre dell'anno una crescita tendenziale del +23.2% in euro, dopo un primo trimestre sostanzialmente stabile rispetto al corrispondente periodo 2013. Le industrie “trainanti” tale accelerazione sul mercato statunitense sono riconducibili a Prodotti finiti per la persona (in particolare Maglieria e Prodotti delle attività creative, artistiche e d'intrattenimento ) e, in misura minore, Beni alimentari non confezionati e Prodotti finiti di largo consumo .

Si confermano, inoltre, positivi i contributi provenienti da Serbia ed Egitto . In rafforzamento nel secondo trimestre risultano, infine, i contributi alla crescita delle vendite provinciali derivanti da Croazia , Repubblica Ceca , Iraq , non tali, tuttavia, da compensare il segnale negativo complessivo.