Prodotti e strumenti per la salute: un primo bilancio dei mercati mondiali nel 2014

.

MENA Siulisse Marketselection NAFTA Europe Asia Global demand Foreign market analysis

Log in to use the pretty print function and embed function.
Aren't you signed up yet? Log in!

La chiusura del terzo trimestre e i primi dati di ottobre-novembre hanno consentito a StudiaBo di effettuare una pre-stima dei risultati del commercio mondiale nel 2014. Questi dati sono disponibili per 22 industrie, 220 settori e oltre 3000 prodotti nel sito Ulisse Analytics ( http://uda.studiabo.it/analytics/dwulisse/try/ ) e liberamente scaricabili a livello di industria e di totale beni. In questa breve nota ci limitiamo a commentare gli andamenti relativi ai principali mercati mondiali della industria “ Prodotti e strumenti per la salute ” ( farmaci, siringhe, protesi e altri prodotti per la salute, strumenti e attrezzature medico e dentistici, elettromedicali, microscopi ) , sollecitando chi è interessato a sviluppare una propria analisi a livello di settore e/o prodotto.

Nel 2014 la domanda mondiale di Prodotti e strumenti per la salute è stimata essere stata pari a circa 540 miliardi di euro, in aumento del +2.9% rispetto ai valori registrati nel 2013.

[caption id="attachment_4686" align="alignnone" width="606" caption="Figura 1 – Prodotti e strumenti per la salute: Principali Mercati Mondiali per valore Importazioni nel 2014 (tra parentesi le variazioni 2014/2013; fonte: SI Ulisse)"] [/caption]

Nel 2014 gli Stati Uniti , con circa 80 miliardi di euro, si sono confermati di gran lunga il principale mercato di importazioni di Prodotti e strumenti per la salute (Figura 1), con una performance di crescita del +7.1% in euro rispetto all'anno precedente. Gli USA – con 5.3 miliardi di aumenti - si sono posizionati al primo posto anche tra i principali mercati mondiali per incrementi delle importazioni nel 2014 (Figura 2).

Alle loro spalle, si conferma il mercato tedesco: l'anno scorso la Germania ha importato quasi 46 miliardi di euro di Prodotti e strumenti per la salute, in crescita di 1.5 punti percentuali rispetto all'anno precedente. Il Belgio , con circa 35 miliardi di euro (+2.1% rispetto all'anno precedente) si attesta al terzo posto nella graduatoria dei principali mercati mondiali per valore delle importazioni nel 2014.

Il Regno Unito , invece, con un incremento di 4.2 miliardi di euro (+16.4%) - secondo mercato mondiale (dopo gli USA) per aumenti nel 2014 - guadagna una posizione e sale al quarto posto nella graduatoria dei principali mercati mondiali 2014 di Prodotti e strumenti per la salute, con 30 miliardi di euro di importazioni.

La Francia figura al quinto posto in graduatoria, con un valore delle importazioni 2014 di Prodotti e strumenti per la salute di 27.7 miliardi di euro, in aumento di 1 miliardo di euro (+3.8%) rispetto al 2013.

A fronte dei cali sperimentati l'anno scorso da Olanda (-0.5% in euro rispetto al 2013) e, soprattutto, Giappone (-3.5% nei valori in euro rispetto all'anno precedente), si segnalano, invece, i significativi incrementi sperimentati dalle importazioni di Prodotti e strumenti per la salute di Cina (+1.8 miliardi di euro) e Svizzera (+1.2 miliardi di euro), rispettivamente al terzo e quarto posto tra i mercati mondiali per aumenti assoluti 2014 e ottavo e decimo mercato per valore complessivo dei flussi.

Vanno, infine, evidenziati i progressi messi a segno dalle importazioni di Prodotti e strumenti per la salute da parte di Repubblica Ceca (+0.6 miliardi di euro), Algeria (+0.5 miliardi di euro) ed Emirati Arabi (+0.4 miliardi di euro), rispettivamente al 8°, 9° e 10° nella graduatoria dei principali mercati mondiali per incrementi 2014.

[caption id="attachment_4690" align="alignnone" width="606" caption="Figura 2 - Prodotti e strumenti per la salute: Principali Mercati Mondiali per incrementi Importazioni nel 2014 (fonte: SI Ulisse)"] [/caption]

Per gli esportatori italiani di Prodotti e strumenti per la salute si segnala, pertanto, un contesto di domanda che ha visto nel 2014 la la dinamicità di mercati tradizionali (Stati Uniti e Regno Unito su tutti) e il contestuale rafforzamento di mercati emergenti (quali Cina, Repubblica Ceca, Algeria ed Emirati Arabi.