I semestre 2018: il commercio mondiale per aree geografiche

Gli scambi commerciali interni all’Asia del Pacifico e all’Unione Europea trainano la crescita mondiale

.

NAFTA Europe Asia Importexport Oceania Global demand Global economic trends

Log in to use the pretty print function and embed function.
Aren't you signed up yet? Log in!

Mentre nel mondo imperversa una forte incertezza riguardo l’andamento futuro del commercio internazionale, a causa dell'ondata protezionistica e delle ritorsioni della guerra commerciale Usa-Cina, le pre-stime Studiabo dei dati di commercio estero di quasi 70 paesi segnalano che il primo semestre 2018 si è chiuso con un aumento dei flussi di scambio del 3.9% a prezzi costanti1 in dollari rispetto al primo semestre 2017.

La tabella riportata di seguito mostra l’andamento a prezzi costanti del commercio internazionale nell’ultimo semestre, suddiviso per aree geografiche. Le zone geografiche individuano tre aree di libero scambio: Unione Europea, Nord America (soggetto all’accordo di libero scambio NAFTA che include Stati Uniti, Canada, Messico) e Asia del Pacifico2; categoria residuale è il resto del mondo.
Il grafico riporta in colonna le aree di origine del flusso commerciale e in riga le aree di destinazione. La grandezza del cerchio all’incrocio tra l’area di esportazione e l’area di importazione è proporzionale al valore a prezzi costanti del flusso commerciale registrato nel primo semestre 2017; il colore di ciascun cerchio rappresenta, invece, il tasso di variazione registrato nel primo semestre 2018 rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno.
Il menu a tendina permette di selezionare la rappresentazione dei flussi commerciali totali o per una serie di prodotti distintivi; è, infatti, possibile scegliere una specifica categoria merceologica tra le seguenti: Strumenti e attrezzature ICT e servizi, Prodotti e strumenti per la salute, Componenti elettroniche, Alimentari confezionati e bevande, Componenti per i mezzi di trasporto e Prodotti finiti per la casa.

Commercio mondiale per area geografica



Fonte: SIUlisse.it, Data Warehouse Congiuntura World


Gli scambi regionali interni all'UE e all'Asia del Pacifico trainano la crescita del commercio mondiale

La prima considerazione che emerge dall’analisi degli scambi totali è che due flussi commerciali hanno guidato la crescita registrata su base semestrale del commercio internazionale: il flusso di maggior rilievo consiste nello scambio di merci interno ai paesi dell’Asia Pacifica, che nel I semestre 2017 ha registrato un valore pari a 1600 miliardi di $ (USD 2012) e che ha segnalato un variazione del +4.1% per il primo semestre 2018; il secondo flusso riguarda gli scambi intra-europei, i quali registrano una variazione tendenziale del +5.8% nel I semestre 2018, a fronte di un valore di 1528 miliardi di $ (USD 2012) registrato nel semestre precedente.
Più contenuti, invece, gli scambi interni al mercato del Nord America, che tuttavia crescono al tasso di variazione tendenziale del 4.4% a prezzi costanti, in linea alla crescita media del commercio mondiale. Ottima la performance dei flussi commerciali UE-NAFTA: le importazioni NAFTA dall’UE crescono al tasso del 6.4% a prezzi costanti, mentre le esportazioni NAFTA verso l’Unione Europea si attestano su una crescita tendenziale del 9.1% a prezzi costanti.

I tassi di variazione tendenziale più dinamici vengono registrati dai flussi commerciali di strumenti per la salute e attrezzature ICT

I tassi di variazione tendenziale più dinamici vengono segnalati dai flussi commerciali di prodotti e strumenti per la salute e strumenti e attrezzature ICT.
Tuttavia, se nel caso di prodotti e strumenti per la salute i flussi di commercio più rilevanti sono interni all’area UE e registrano ottime performance su tutti i mercati di destinazione, nel caso degli strumenti e attrezzature ICT è l’Asia del Pacifico a rappresentare la parte più rilevante del commercio internazionale, per via dei flussi interni alla regione.
Sul fronte del mercato intra-europeo i flussi commerciali di entrambi i prodotti chiudono il I semestre 2018 con tassi di variazione tendenziale a due cifre: +17.3% a prezzi costanti per prodotti e strumenti per la salute, +15.4% a prezzi costanti per gli strumenti e attrezzatura ICT.

Si attesta su tassi di variazione solo leggermente inferiori ai casi precedenti la crescita su base semestrale del commercio di componenti elettroniche e di alimentari confezionati e bevande.
Gli scambi commerciali di componenti elettroniche spingono l’aumento dei flussi interni alle regioni dell’Asia Pacifica; i prodotti elettronici costituiscono, infatti, più del 20% del flusso commerciale intra-regionale e registrano un aumento del 9.5% a prezzi costanti sul primo semestre 2017. L’aumento dei flussi di commercio estero di prodotti alimentari confezionati e bevande si deve, invece, agli scambi commerciali tra i paesi membri dell’UE: i flussi interni alla regione segnalano una crescita del’8.6% a prezzi costanti sul primo semestre 2017. Per ulteriori approfondimenti si rimanda a Agroalimentare: continua la crescita del commercio mondiale.

Per le componenti di trasporto e i prodotti finiti per la casa performance positive solo sul mercato europeo

I casi di commercio estero delle componenti dei mezzi di trasporto e dei prodotti finiti per la casa segnalano, invece, performance positive solo in riferimento al mercato europeo: i flussi di commercio nell'area UE sono aumentati a tassi superiori al 6% rispetto al I semestre 2017, mostrandosi in controtendenza rispetto agli altri player di mercato.


1) Il principale vantaggio del ricorso alle stime di commercio a prezzi costanti consiste nel poter cogliere gli effetti di volume degli scambi tra i paesi, depurando la dinamica in valore dalle variazioni dei prezzi e dei cambi.
2) L'Asia del Pacifico include le regioni dell'Asia Meridionale, del Sud-Est Asiatico, dell'Asia orientale e dell'Oceania.